NON FACCIAMOCI PUNTARE IL DITO ….. il punto del ns. Presidente 🧡🖤

Cari Atletazzi,

Quando a metà gennaio abbiamo fatto la festa dell’Atletica, e ci siam visti abbracciati e augurati una stagione scoppiettante nulla faceva presagire che l’influenza stagionale dei soliti mesi di fine gennaio, febbraio e marzo, si trasformasse in una guerra. C’è l’ha dichiarata e fatta un microbo letale e assassino.  Ci ha spazzato quasi via una generazione che di suo aveva forse già dato con l’ultima guerra mondiale. Concludere una vita terrena in questa maniera, è sicuramente tremendo. Terribile per chi affronta questa malattia, ma anche per i cari vicini che come successo hanno dovuto lasciare il loro congiunto DA SOLO.

Questa malattia, potremmo definirla come “la nostra guerra” , Noi, io la mia generazione e quelle successive fino ad ora, non avevamo mai vissuto una cosa del genere, ma non solo per la malattia in sè, ma per la metodologia di come ci siam dovuti fermare. Uno un giorno mi ha detto, “sembra un film” .. vero, sembra proprio una cosa irreale. Sinceramente siamo sempre stati abituati a subire e riparare in breve tempo. Non siamo abituati a sopportare una situazione per più di un tot di tempo, quindi il volere che la situazione finisca immediatamente era ed è la nostra reazione. Di pazienza ne abbiamo poca, d’altronde ci siamo abituati male da 50 anni a sta parte e non è facile cambiare stile di vita dalla mattina alla sera.

Cosa importante, ritengo, che non dobbiamo essere troppo negativi, perchè in fin dei conti la situazione la possiamo cambiare noi, facendo come abbiamo fatto, isolare sto virus. Quindi è una reazione che decidiamo noi. In guerra i nostri vecchi non potevano sicuramente decidere loro di finire la guerra. Noi si. Abbiamo questa possibilità di dire FINE. Bella cosa questa. Positiva. Molto positiva.

Partendo da questo fatto, positivissimo, dico che io sinceramente sono molto fiducioso, perchè se in un mese e mezzo, siamo già potuti uscire di casa, con contagi che scendono vertiginosamente e con decessi bassissimi, da 20 al giorno, parlo per la nostra provincia, che tanto è una delle più colpite, a 2 di ieri, ho una sensazione più che ottimista per queste mese di maggio.

Adesso, dico a voi atletazzi miei cari, che se da mercoledi siamo potuti uscire per farci le ns. corsette “liberatorie” perchè altro non sono, ovvero, l’allenamento che si fa in vista di gare e prossimi appuntamenti, saranno da fare più avanti per ora, vediamo di fare ste corsette con la massima coscienza e cervello acceso. Non diamo alito a ripuntarci il dito contro. Vediamo di stare lontani e se possibile non farsi addirittura vedere. Sarà difficile, ma la fascia oraria di uscita può essere una mezza soluzione. Il posto dove correre, il portare una bandana come si fa l’inverno non è male.

Il mese di maggio sarà cruciale per il proseguo della vita libera, quindi dobbiamo non sollevare l’opinione pubblica. Come non ci fossimo insomma. Fate tutti meglio che potete con la coscienza rivolta agli altri. Non dobbiamo essere egoisti, lo sbaglio di uno potrebbe compromettere tutti, quindi tenete a mente che , avete un compito per questo mese di maggio, “NON FARSI NOTARE troppo”, che serve a molte cose. Non scriviamo o commentimo troppo spesso post sui social approposito di poter correre, mascherine ecc. …. attrae troppo l’attenzione ed a modo di partire con delle discussioni inutili e soprattutto dannose. Tasè … punto, “feve le corse e basta”, che poi vien furoi che per un selfie in cima ad un sentiero si innesca una catena di commenti che, ripeto, IN QUESTO MESE FANNO DANNI.

Poche foto sui social, significa anche quello NON FARSI NOTARE e creare fastidio. Vediamo di non apparire come i soliti sboroni che poi si da modo a chi di corsa, atletica e sensazioni da drogati non capisce, di puntarci il dito.

Abbiamo fatto tanto negli ultimi 15gg. cercando di sensibilizzare il ns. Governo e istituzioni , a quanto ci hanno poi dato da mercoledi scorso. Proposte, telefonate, messaggi, articoli , ricerche , ecc. ecc. erano all’ordine del giorno, tutto volto affinchè VOI miei atletazzi riusciste a farvi una mezzoretta fuori casa in santa pace. Vediamo di non vanificare tutto questo che mi/ci è costato tanto lavoro, tempo e faccia.

L’Atletica Valle di Cembra de essere un esempio .. ricordatelo miei cari Atletazzi 🧡🖤

Un augurio sereno di un  super proseguo sano e vispo a tutti voi. Ci risentiremo dopo il 18 maggio con le nuove disposizioni in merito , date dal ns. Governo, perchè è prevista la ripresa degli allenamenti collettivi, se non cambiano in negative le cose. Speriamo in bene e noi cerchiamo di dare un aiuto mettendo in pratica quanto detto …… S.C.R. 😍

Share This Post On