DA IERI SEBASTIAN COE ALLA PRESIDENZA DELLA IAAF

NEWS: Limite al mandato, tema doping, conflitto Nike-Adidas: le dichiarazioni di Coe

Sebastian CoeDa ieri mattina Sebastian Coe, due volte campione olimpico sui 1500 m a  Mosca 1980 e a Los Angeles 1984, è diventato il nuovo presidente della International Association of Athletics Federations (IAAF), la federazione internazionale di atletica leggera che ha sede nel Principato di Monaco. A dire la verità, il mandato inizia per Coe il prossimo 31 agosto e durerà per i successivi quattro anni.

TEMPO DETERMINATO – Il 50° congresso della IAAF, oltre alla nomina il presidente, ha stabilito in nomi dei vicepresidenti e del tesoriere. Per quanto riguarda i primi, ad essere investiti di tale carica sono stati Sergey Bubka (Ucr), in lotta con Coe anche per la presidenza, Al Amad Dahlan (Qat), Malboum Kalkaba (Cam) e Alberto Juantorena (Cub); tesoriere, infine, è stato nominato lo spagnolo Jose Maria Odriozola. Infine, il congresso ha anche apwwwto la proposta di limite a tre mandati per la presidenza IAAF: Coe, dunque, potrà coprire la carica al massimo per i prossimi 12 anni.

EMA DOPING – Al nuovo presidente sono state poste numerose domande fra le quali, ovviamente, alcune sul doping. “Applicheremo misure per la tolleranza zero e ne parlerò da subito con i miei colleghi” ha affermato Coe, che sembra essere fiducioso di riuscire a sanare il problema dilagante dell’uso di sostanze dopanti da parte degli atleti.  Una “lotta”, quella con Bubka, che spera possa aver portato una ventata di cambiamento e di rinnovamento per l’intera atletica internazionale: “Ringrazio Bubka per questa campagna elettorale che ha permesso al nostro sport di prendere fiato e pensare a come rinnovarsi“.

INTERNATIONAL ADVISOR NIKE – La presidenza della IAAF non sarà l’unico incarico per il 58enne inglese, che riveste anche il ruolo di International Advisor per la Nike. Nonostante ciò, Coe ha promesso la massima attenzione e dedizione per il suo nuovo lavoro ai vertici della federazione internazionale: “In passato ho già avuto diversi ruoli allo stesso tempo e tutto è filato liscio”. Per quanto riguarda il possibile conflitto di interessi fra Nike (azienda per cui Coe è Advisor a livello mondiale) e Adidas (brand con cui la IAAF ha una partnership), Coe ha affermato: “Sono con la Nike dal 1978, sono presidente del comitato olimpico britannico che ha come sponsor l’Adidas e all’Olimpiade mi sono trovato nella medesima situazione, ma non c’è stato nessun conflitto. Dov’è il problema?“.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email
Share This Post On