IL CONTROLLO EMOTIVO NELLO SPORT della dott.ssa Marika Di Benedetto, psicologa dello sport.

Controllo emotivo
La competizione può tirare fuori il meglio o il peggio degli atleti: a parità di abilità fisiche è spesso il runner con l’approccio mentale più forte, che può controllare la sua mente prima e durante gli eventi,   che   vince.   Tuttavia,   molti   atleti   suppongono   erroneamente   che   l’aspetto   mentale   della performance sia innato ed immutabile, quando in realtà, un allenamento mentale sistematico può avere un impatto sulla prestazione simile a quello fisico. Entrare nella mentalità giusta prima di una gara è uno degli aspetti cruciali per prestazioni al top. Le reazioni emotive a situazioni di stress possono esaurire le risorse di un atleta e, se mal gestite, possono avere un impatto negativo sulle prestazioni. Ecco perché è importante avere una strategia per affrontare lo stress nel pre-gara.

articolo-controlloemotivosport
In   un   pre-gara   importante,   fino   all’inizio   della   competizione,   il   corpo   inizia   a   prepararsi   alle richieste esterne attraverso il rilascio di ormoni nel sangue come l’adrenalina e mettendo in moto cambiamenti fisiologici associati ad una maggiore eccitazione (risposta attacco o fuga). Inoltre si verificano   cambiamenti   anche   nel   sistema   attentivo,   gli   atleti   diventano   più   mirati   e   vigili,
mentalmente sempre più attivi. Questo aumento complessivo di eccitazione può essere il migliore alleato o il peggior nemico e la chiave per raggiungere un’ adeguata mentalità è quella di analizzare i cambiamenti in modo razionale e canalizzare le emozioni in una direzione positiva. Alcuni atleti associano l’aumento di eccitazione alla normale risposta dell’organismo che si sta preparando ad una competizione   e   lo   utilizzano   in  maniera   funzionale   per   concentrarsi   sulle   routine   pre-gara precedentemente pianificate. Questa interpretazione positiva della risposta di eccitazione di solito
porta ad emozioni più positive ed a prospettive ottimistiche. Al contrario, altri  nterpretano come ansia, preoccupazione e apprensione i cambiamenti fisiologici messi in atto (ad esempio l’aumento della   frequenza   cardiaca),   con   un   conseguente   stato   emotivo   negativo   che   ostacola   una   buona prestazione.Una   cosa   importante   da   ricordare   è   che   l’interpretazione   personale   che   si   da   ai cambiamenti   fisiologici   dirige   la   nostra   risposta   emotiva.   Tuttavia,   il   rapporto   tra   pensieri   ed emozioni funziona in entrambe le direzioni: anche se le emozioni sono il risultato di interpretazioni
cognitive, possono avere anche un impatto sui nostri pensieri, dando vita ad un circolo vizioso di pensieri   ed   emozioni   negativi.   E’   possibile   ottenere   un   maggiore   controllo   sulle   emozioni disfunzionali prima della gara alterando il focus attentivo. Proviamo a vedere come:
1.   Dire a sè stessi:” Questo è il mio corpo che si prepara a fare bene” e ripetere l’affermazione se necessario;
2.   Provare   a   ricordare   la   propria   immagine   dopo   una   vittoria   o   un   buon   allenamento   e collegarla alle sensazioni percepite in quel momento.
Questa routine deve essere praticata regolarmente per stabilire una risposta abituale che aiuterà a sentirsi più composti e attivati prima delle competizioni. Se le immagini che balenano in mente sono negative:
1.   Cercare di visualizzare l’atleta di maggior successo nella vostra specialità, i suoi punti di forza e il modo in cui corre, compete, reagisce alle difficoltà;
2.   Visualizzare sè stessi con attributi positivi simili.
Anche gli atleti più esperti diventano nervosi e irritabili prima di una competizione ma un pò di tensione   (finchè   controllata)   è   necessaria   per   il   raggiungimento   della   massima   prestazione.   La tecnica sopra riportata non la elimina completamente ma aiuta ad incanalare le emozioni in modo funzionale e positivo, che è quello che gli atleti devono imparare a fare. La differenza tra vincitori e vinti spesso si riduce alla capacità di coping, nel senso che alcuni atleti hanno imparato a far fronte alle situazioni competitive meglio di altri. Il principio fondamentale per l’atleta è quello di saper controllare il controllabile e non sprecare energia su ciò di cui non ha potere. Ad esempio, prestare
troppa attenzione a come gli avversari potrebbero andare o al loro stato di forma nel warm-up, creaun impatto negativo sulla messa a fuoco personale. Si possono utilizzare alcune tecniche per creare una strategia pre-gara personalizzata finalizzata al raggiungimento dello stato emotivo desiderato.
Vediamone insieme qualcuna

IMAGERY
Alcuni atleti utilizzano le immagini per ricordare esperienze passate positive e generare un senso di fiducia. L’ Imagery è un metodo molto flessibile da impiegare prima della competizione ma deve essere utilizzato correttamente per il massimo effetto; non è solo una forma di visualizzazione ma soprattutto   un’esperienza   sensoriale   che   coinvolge   anche   il   senso   cinestetico,   le   emozioni   e   le esperienze uditive. Molti atleti usano le immagini per visualizzare una vittoria, una buona tecnica, o per far fronte a situazioni difficili, ricreando sensazioni emotive e wwwndo l’evento prima che accada veramente.
1.   Tenere sessioni di imagery brevi (non più di un paio di minuti) appena prima di una gara.
2.   Immaginare uno scenario realistico che abbia ripercussioni positive sull’umore.
3.   Utilizzare auto-dichiarazioni positive (affermazioni) come “Mi sono allenato duramente”, ”
Sono in gran forma”. Queste affermazioni rafforzano le proprie convinzioni e direzionano il focus attentivo al di fuori dalle percezioni negative.
SELF TALK
Molti corridori sabotano le loro corse prima del loro inizio. Le pressioni e l’ansia generano pensieri ed emozioni negativi associate alla paura di fallimento. Pensieri del tipo: “Spero solo di finire” ” questa gara sarà un disastro “, ” Oggi non vado”, hanno la tendenza a diventare una profezia che si autoavvera, garantendo così una prestazione scadente.
Come si può combattere i pensieri negativi e le emozioni prima di una gara? Un self-talk positivo costituito da brevi parole o frasi da ripetere a sè stessi durante l’esecuzione del gesto come “Sono pronto”, “Vado forte”, “Ce la posso fare”, ” Calma e respira”, può aiutare.
A primo impatto può risultare banale ma non lo è. La ristrutturazione dei cattivi pensieri e delle emozioni negative con pensieri positivi aiuta il runner nei momenti più critici di una competizione e ad andare più forte.
Le abilità mentali, al pari di quelle fisiche, richiedono tempo ed impegno per essere apprese ed assimilate:   ecco   perchè   è   necessario   avere   costanza   e   pazienza   per   apprezzare   cambiamenti significativi nella performance.

dott.ssa Marika Di Benedetto, psicologa dello sport.

Share This Post On