Maratone segrete,storie di gare estreme in posti impossibili

ROMA, 19 AGO – Maratone e viaggi nei paesi più inaccessibili del mondo: dalla dittatura della Corea del Nord al rovente deserto del Somaliland, passando per le montagne dell’Afghanistan e dell’Iraq. Manfred Mussner, 48enne maratoneta e funzionario Enac di Bressanone (Bolzano), è l’autore di ‘La maratone segreta’ (Bertelli editore).

Nel novembre del 2018 ha partecipato a una corsa ‘top secret’ (“c’era un fortissimo rischio di attacchi da parte dei talebani, anche perché il primo obiettivo della maratona era di far correre le donne”) sulle montagne del Band-e amir, in territorio afghano. “Non si poteva girare nelle città. Già allora – ricorda – le truppe alleate si trinceravano nelle loro basi, per questo ci siamo mossi con protocolli di sicurezza stringenti. Sempre su auto separate, e sempre travestiti, per non apparire subito come stranieri agli occhi dei talebani, che controllavano già parte del territorio. Per farci raggiungere la zona della gara dovette intervenire l’Onu con elicotteri e aeromobili”. (ANSA).

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email
Share This Post On